Rivista numero 3 2012

Anno 2012 – Rivista n.3 2012

Il numero 3 2012 della rivista completo di tutti gli articoli, le note a sentenza e l’osservatorio.

  Anno 2012 – Rivista n.3 2012

Rivista numero 3 2012

Indice Rivista n.3 2012

Indice della rivista

  Indice Rivista n.3 2012

Rivista numero 3 2012

Index Magazine n.3 2012

Index of the magazine

  Index Magazine n.3 2012

Articoli,Rivista numero 3 2012

FRANCESCA SPAGNUOLO, Partecipazione, democrazia e diritto amministrativo nella governance del sistema terra

SOMMARIO: 1. Premessa – 2. Inquadramento del problema e prima esemplificazione: il caso della Codex Alimentarius Commission – 3. Partecipazione e inclusione dei privati nelle procedure decisionali globali 3.1 – La WTO e la vicenda dei
gamberetti e delle tartarughe marine – 4. La funzione di democratizzazione del diritto amministrativo globale – 5. Egemonia e diritto: sfide aperte per la governance del Sistema Terra.

  FRANCESCA SPAGNUOLO, Partecipazione, democrazia e diritto amministrativo nella governance del sistema terra

Articoli,Rivista numero 3 2012

MELANIA D’ANGELOSANTE, Le attuali “dimensioni” della valutazione di incidenza ambientale come strumento per ampliare i confini della rete natura 2000

SOMMARIO: 1. Per cominciare: i contenuti e le finalità dello studio – 2. La trasversalità dell’oggetto della valutazione di incidenza – 3. La dimensione extraterritoriale delle azioni di tutela – 4. La dimensione temporale – 5. Il procedimento
di valutazione: la dilatazione della tutela per effetto dell’applicazione del principio di precauzione – 6. Per concludere: il riflesso delle “dimensioni” della valutazione di incidenza sui confini della rete Natura 2000.

  MELANIA D’ANGELOSANTE, Le attuali “dimensioni” della valutazione di incidenza ambientale come strumento per ampliare i confini della rete natura 2000

Note a Sentenza,Rivista numero 3 2012

ANNALISA GIUSTI, La Corte di Giustizia interviene sul potere del giudice nazionale di modulare gli effetti dell’annullamento

La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sulle circostanze in cui un «piano» o «programma» ai sensi della direttiva 2001/42/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 giugno 2001, concernente la valutazione degli effetti di
determinati piani e programmi sull’ambiente (GU L 197, pag. 30), che non sia stato oggetto di una valutazione ambientale quale, tuttavia, prevista da detta direttiva, può essere mantenuto provvisoriamente in vigore.

  ANNALISA GIUSTI, La Corte di Giustizia interviene sul potere del giudice nazionale di modulare gli effetti dell’annullamento

Note a Sentenza,Rivista numero 3 2012

MARIA CHIARA MALARA, Risarcimento in forma generica e riduzione in pristino in materia di danno ambientale

I fatti di causa possono così ricostruirsi sulla base della sentenza impugnata.
Con citazione notificata il 20 marzo 2003 il Comune di Bolgare convenne in giudizio innanzi al Tribunale di Bergamo Marmi Mecca s.r.l. nonchè, in proprio, B.P., legale rappresentante della stessa.

  MARIA CHIARA MALARA, Risarcimento in forma generica e riduzione in pristino in materia di danno ambientale

Osservatorio,Rivista numero 3 2012

PAOLA LOMBARDI, L’evoluzione della disciplina sulla difesa del suolo tra dialettica Stato-regioni e prospettive applicative degli strumenti di pianificazione

Approcciandosi al concetto di “difesa del suolo”, è dato constatare come non ci si trovi di fronte ad un settore normativo autonomo e definito, bensì al risultato dell’esercizio di funzioni di conoscenza, di prevenzione, di manutenzione e di controllo attinenti a diversi settori di materie, quali le opere idrauliche, la sistemazione idrogeologica, la forestazione, la bonifica montana, l’agricoltura1 e il governo del territorio.

  PAOLA LOMBARDI, L’evoluzione della disciplina sulla difesa del suolo tra dialettica Stato-regioni e prospettive applicative degli strumenti di pianificazione

Osservatorio,Rivista numero 3 2012

ENRIQUE MARTINEZ PEREZ, Los proyectos de captura y almacenamiento de carbono desde la óptica del derecho internacional

La Unión Europea ha estimado que gracias a la tecnología de la captura y el almacenamiento de dióxido de carbono (CO₂) podrían llegarse a evitar en 2030 emisiones que supondrían cerca del 15% de las reducciones exigidas en el ámbito de la Unión Europea1.

  ENRIQUE MARTINEZ PEREZ, Los proyectos de captura y almacenamiento de carbono desde la óptica del derecho internacional

Osservatorio,Rivista numero 3 2012

LUCA MARFOLI, Biodiversità: un percorso internazionale ventennale

Il tema della biodiversità è stato negli ultimi vent’anni motivo di interesse per il diritto internazionale dell’ambiente. Attraverso strumenti normativi e programmatici la comunità internazionale ha infatti tentato di porre un argine al processo di perdita di biodiversità in atto.

  LUCA MARFOLI, Biodiversità: un percorso internazionale ventennale

News

Giappichelli Editore
Master in Diritto dell'Ambiente