Rivista numero 3 2018

Anno 2018 – RIVISTA NUMERO 3

Il Numero 3-2018 della rivista.

  Anno 2018 - Rivista n. 3

Rivista numero 3 2018

JOSÉ ANTÔNIO TIETZMANN E SILVA LUCIANE MARTINS DE ARAÚJO – O Pacto da ONU sobre Migrações: preenchendo a lacuna jurídica dos deslocados ambientais?

Já há mais de quinze anos o alemão Ulrich Beck1 mencionava uma característica inerente à sociedade moderna, qual seja, a de estar rodeada por riscos de toda a sorte, oriundos de fenômenos naturais, assim como de atividades humanas. Nesse cenário, impende destacar que as catástrofes ambientais decorrentes da antropização do ambiente, têm impactado consideravelmente nas sociedades humanas.

  JOSÉ ANTÔNIO TIETZMANN E SILVA LUCIANE MARTINS DE ARAÚJO - O Pacto da ONU sobre Migrações: preenchendo a lacuna jurídica dos deslocados ambientais?

Rivista numero 3 2018

ROBERTO FRANCO GRECO – I marchi territoriali pubblici di qualità dei prodotti agroalimentari: profili critici e prospettive evolutive

Dallo studio delle dinamiche commerciali contemporanee emerge crescente l’importanza assunta dai segni distintivi nella valorizzazione delle produzioni agroalimentari di qualità. Il loro utilizzo è divenuto tanto più strategico quanto più difficoltosa è apparsa la sopravvivenza delle imprese del settore nel mercato globale, al cui interno i prodotti di qualità devono confrontarsi con la libera circolazione di merci generiche, di categorie di beni agroalimentari omogenei individuate da nomi comuni e con la crescita della concorrenza di prodotti equivalenti esteri a basso costo.

  ROBERTO FRANCO GRECO - I marchi territoriali pubblici di qualità dei prodotti agroalimentari: profili critici e prospettive evolutive

Rivista numero 3 2018

ANTONIO MICELLO – La tecnologia blockchain al servizio della gestione delle informazioni ambientali: verso un “Blockchained Green Public Procurement”?

Il primo dei cinque assiomi della comunicazione sociale sancisce che «non si può non comunicare». L’espressione, coniata dal filosofo e sociologo austriaco Paul Watzlawick afferma che qualsiasi elemento (umano o non umano), calato in un contesto di socialità, non può fare a meno di comunicare, ossia “toccare” l’ambiente circostante e trasferire informazioni su di sé. Tuttavia, qualora ci si riferisca alla particolare comunicazione intercorrente fra attori pubblici e privati, lo stesso postulato abbandona l’originaria natura descrittiva per assumerne una di tipo deontico.

  ANTONIO MICELLO - La tecnologia blockchain al servizio della gestione delle informazioni ambientali: verso un “Blockchained Green Public Procurement”?

Rivista numero 3 2018

GIAMPAOLO ROSSI – Diritto dell’ambiente e teoria generale del diritto

Il titolo di questo scritto può lasciare perplessi: ogni settore del diritto, ogni disciplina giuridica (e ormai sembra acquisito che il diritto dell’ambiente lo sia) si presta a considerazioni di teoria generale.
Il titolo si giustifica quindi solo se il diritto dell’ambiente presenta profili tali da implicare in maniera più marcata il ricorso a un approccio di teoria generale.

  GIAMPAOLO ROSSI - Diritto dell’ambiente e teoria generale del diritto

Giappichelli Editore
Master in Diritto dell'Ambiente