Rivista numero 3 2019

Anno 2019 – RIVISTA NUMERO 3

Il Numero 3-2019 della rivista.

  Anno 2019 – Rivista n. 3

Rivista numero 3 2019

JESSICA MAKOWIAK Le principe de non-régression: un inconnu dans la maison

Totalement absent du projet de loi initial, le principe de non-régression, contre toute attente, a finalement été introduit dans la loi pour la reconquête de la biodiversité, de la nature et des paysages, définitivement adoptée le 20 juillet
2016 et publiée le 9 août 2016. Il figure désormais a priori en bonne place à l’article L. 110-1 du code de l’environnement, qui connaît toutefois un enrichissement considérable risquant de diminuer d’autant la consistance juridique des principes nouvellement consacrés.

  JESSICA MAKOWIAK - Le principe de non-régression: un inconnu dans la maison

Rivista numero 3 2019

VIOLA CAPPELLI – Contratto e principio dello sviluppo sostenibile. Il caso degli Energy Performance Contracts

Affrontare lo studio del diritto dell’ambiente tramite coordinate civilistiche e, più nello specifico, nell’ottica del diritto dei contratti può risultare singolare rispetto all’attenzione da sempre dedicata alla questione dalle discipline più prettamente pubblicistiche. Infatti la materia è stata e continua ad essere un fertile terreno di indagine non solo per gli studiosi del diritto internazionale e costituzionale, ma soprattutto nella prospettiva del diritto amministrativo.

  VIOLA CAPPELLI - Contratto e principio dello sviluppo sostenibile. Il caso degli Energy Performance Contracts

Rivista numero 3 2019

ROCCO MOTOLESE – L’esecuzione a scomputo del costo di costruzione: riflessioni a margine della sentenza del Consiglio di Stato, Sez. IV, del 31 dicembre 2019, n. 8919

1. Con ricorso avanti il T.a.r per la Lombardia – Sede di Milano la società Alinvest s.p.a. ha chiesto l’accertamento:
– del proprio diritto allo scomputo (anche) del costo di costruzione relativo alla realizzazione di una multisala cinematografica, assentita dal Comune di Milano con il p.d.c. n. 85 dell’11 maggio 2006, rilasciato anche sulla scorta della previa convenzione integrativa stipulata inter partes in forma pubblica in data 12 aprile 2006;
– dell’insussistenza del credito vantato dal Comune a titolo di conguaglio per monetizzazione e contributo smaltimento rifiuti, con conseguente diritto alla ripetizione di quanto già versato a tali fini.
Il Comune di Milano si è costituito in resistenza, formulando sia eccezioni in rito (assunta inammissibilità del ricorso per tardiva instaurazione del giudizio), sia difese in merito (infondatezza delle pretese svolte ex adverso).

  ROCCO MOTOLESE - L’esecuzione a scomputo del costo di costruzione: riflessioni a margine della sentenza del Consiglio di Stato, Sez. IV, del 31 dicembre 2019, n. 8919

Rivista numero 3 2019

FRANCESCO MACIOCE – Profili civilistici della informazione ambientale

Chi fosse chiamato ad indagare, come me, sulla dimensione privatistica del diritto all’informazione in materia ambientale, dovrebbe muovere da due considerazioni: la intensa interdisciplinarietà della materia ambientale che coinvolge molteplici ambiti scientifici (si pensi alla chimica, alla fisica, alla geologia, ma anche alla sismologia, alla climatologia, o alla ingegneria e l’elenco potrebbe continuare) e la infradisciplinarietà normativa che chiama in causa competenze diverse per le corrispondenti aree del diritto (costituzionale, amministrativo, penale, civile, internazionale, comunitario e ancora). In questo quadro si collocano tre momenti diversi e storicamente determinati che segnano il ruolo del diritto privato con riferimento all’ambiente.

  FRANCESCO MACIOCE - Profili civilistici della informazione ambientale

Rivista numero 3 2019

SALVATORE GIUSEPPE SIMONE – Il danno ambientale: tutela giuridica e diritto vivente (cronaca di un convegno)

Il 22 novembre 2019 si è svolto, presso l’Aula Magna «Aldo Cossu» dell’Università degli Studi di Bari «Aldo Moro», il convegno multidisciplinare sul tema «Il danno ambientale: tutela giuridica e diritto vivente», promosso dall’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente (ARPA Puglia) e dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), con la partecipazione di numerosi rappresentanti delle istituzioni politiche e amministrative, della magistratura, delle forze dell’ordine, della ricerca scientifica e dell’informazione.

  SALVATORE GIUSEPPE SIMONE - Il danno ambientale: tutela giuridica e diritto vivente (cronaca di un convegno)

Giappichelli Editore